search burger
search ×

Il valore di un’opera risiede nell’idea

L’ Arte dei grandi numeri del mercato

By Gianfranco Gatta

La sottile differenza che passa tra l’Arte Museale e l’Arte dei grandi numeri del mercato è che la prima crea stupore mentre la seconda produce un gran rumore.

Ad esempio: se le mappe di Alighiero Boetti che sono introvabili, ammesso che si trovino vengono battute in asta a prezzi sbalorditivi, quanto dovrebbe valere, secondo il mercato, un quadro di Caravaggio? Semplice, non ha prezzo! O meglio, non è quantificabile dal momento che è “fuori mercato”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da GiannaLaGuida (@giannatourguideinitaly)

Il pittore è nato a Milano nel 1571 e morto in quel dell’Argentario a Porto Ercole nel 1610; va da se che la sua produzione si è esaurita con la sua dipartita; non è quindi un artista sul quale i grandi mercanti d’arte possano investire e speculare.

È questa prospettiva economica che ha fatto sì che l’Arte Contemporanea si sia imposta sul mercato, negli ultimi trent’anni, con opere che in continuazione superano ogni record price.

Il Mercato dell’Arte è disposto a premiare un giovane artista più di un mostro sacro il cui contributo è stato fondamentale per la storia dell’arte dei secoli scorsi. È un mercato che scoppia di salute proprio mentre l’economia vive il suo periodo di massima crisi.  Stabilire quale sia il rapporto tra prezzo e valore in un’opera d’arte significa entrare in un mondo dove, per assurdo, la qualità e l’esperienza dell’artista giocano un ruolo marginale.

Vero è che fin dai tempi dell’Impressionismo, che propose una pittura diversa da quella imposta dall’Accademia, “la novità” fatica ad essere compresa perché “l’occhio” e di conseguenza la mente, sul momento, non la percepiscono. E’ successo con Duchamp che trasformò un comune orinatoio in una “Fontana”, con Manzoni e la sua provocazione contro il mercato, con la “Merda d’Artista” in un barattolo.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Simone Martoccia (@simone_toccia)

E’ successo con i “Tagli” e i “Sacchi” di Fontana e Burri, che non si compravano a due milioni di lire e oggi bisogna vendersi la casa per acquistarne uno.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Fondazione Lucio Fontana (@luciofontanafoundation)

Si possono immaginare i commenti dei romani, quando Christo coprì le porte tra Villa Borghese e Via Veneto, negli anni 70; a quel tempo si chiamavano Pasquinate tipo: “Ma chi è sto stracciarolo?”.

Senza andare tanto lontano nel tempo, oggi c’è ancora chi non capisce la poesia dell’opera di Banksy, considerandolo un bluff. C’è una sostanziale differenza tra capire e dire: “Mi piace o non mi piace!”. Anche se è chiaro che tra Banane esposte, (Cattelan) Teschi di diamanti, (Hirst) passando per le performance di Marina Abramovic, non è facile per un collezionista o un comune visitatore accostare il “Concetto” all’Arte.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Banksy (@banksy)

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da 차은실 by esc (@storybyesc)

Il concetto lo spiega il gallerista Lucien Terras, commentando “La banana attaccata con lo scotch”, di Cattelan: “Il suo valore risiede nell’idea”. Questo vale anche per Boetti, di cui sopra, che quelle mappe le ha pensate ma non le ha mai toccate, facendole interamente ricamare dalle donne afgane.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Maurizio Cattelan’s banana (@cattelanbanana)

L’ultima frontiera dell’Arte Contemporanea è rappresentata dalla Cryptoart o NFT art, ovvero impalpabili “oggetti unici” digitali. Recentemente la casa d’aste Christie’s ha battuto per oltre 69 milioni di dollari, l’originale di un’immagine JPEG, titolata Everydays: The First 5000 Days”, di Mike Winkelmann, partendo da una richiesta base di soli 100 dollari; ponendola come terza opera più pagata di un artista vivente.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da beeple (@beeple_crap)

Subito dopo a Parigi, da Sotheby’s, un raro quadro di Van Gogh, “Scene de rue a Montmartre”, dopo una partenza da 5 milioni di dollari è stato battuto per “la modica cifra” di 13 milioni di dollari. Altro che rumore, un frastuono!

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da 🌻 Vincent Van Gogh 🌻 (@vincent_van_gogh_love)

“I bene informati” parlano di “bolla” che è un termine che tende a significare un fenomeno momentaneo destinato a sgonfiarsi. Può essere ma il fenomeno dei NFT non è nuovo e nasce basato sul gioco Blockchain Ethereum, simile allo scambio delle figurine dei calciatori, dove si acquistano, allevano e rivendono gattini virtuali. Questo ha creato una piattaforma con un giro d’affari di quasi 20 milioni di euro.

Il JPEG in questione, comunemente chiamato Beeple”, dallo pseudonimo del suo autore è un collage di 5 mila immagini ovvero una foto che appare come una tavolozza confusa di pixel.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da beeple (@beeple_crap)

Ci si potrebbe domandare: “Ma allora, foto per foto, quanto dovrebbe valere l’originale di una delle immagini più belle e “cliccate” del mondo: la “Ragazza afgana”, di Steve McCurry, pubblicata sulla rivista National Geographic, nel 1985?” Ancora una volta si parla di espressioni artistiche diverse, come dire se ha più valore un quadro o una statua.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Sofia Di Stefano (@sofiadis)

Molti sostengono che il computer sia la morte della nostra creatività, non a caso, in principio, si chiamava “Terminale”. Ma quello che sta accadendo, attorno al mondo della cripto-arte è qualcosa di rivoluzionario per gli artisti, una sorta di vaso di Pandora che una volta aperto, scatenerà i fantasmi del mercato dell'arte e aprirà nuovi scenari.

Tanto da indurre Christie’s ad accettare il pagamento per “Beeple” in Ether, la criptovaluta regina per lo scambio dei token non fungibili, (NFT) inclusi i diritti d'asta che ammontano a circa 9 milioni di dollari.

E se li accetta Christie’s allora il “Vaso” è già aperto.