search burger
search ×

I 10 eventi più significativi del 2022: USA edition

Con il 2023 ormai alle porte, quali sono gli eventi che ricorderemo di più di questo anno passato? Tra momenti iconici dell’intrattenimento, gli effetti drammatici del cambiamento climatico e numerosi stravolgimenti politici, per gli Stati Uniti è certamente stato un anno ricco di avvenimenti. Ecco i 10 più significativi:

By Camilla Alcini

1. Roe v. Wade, la fine del diritto all’aborto

Il 2022 sarà ricordato come l’anno in cui migliaia di donne americane sono state private del loro diritto all’aborto, diritto fino a poco fa garantito a livello federale. Per oltre 40 anni infatti, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha lasciato agli individui e non al governo la scelta di terminare una gravidanza a seguito del caso Roe v. Wade nel 1973. Secondo Roe, l’aborto rientrava nel diritto alla privacy individuale sancito dal Quattordicesimo Emendamento della Costituzione. 

A Giugno, in un caso contro il divieto di aborto imposto in Mississippi, Roe v. Wade è stato rovesciato. Dobbs v. Jackson Women’s Health Organization ha visto l’ultima clinica del Mississippi che ancora praticava l’aborto sconfitta dal governo federale quando il caso ha raggiunto la Corte Suprema. La decisione della Corte non solo ha lasciato al Mississippi il divieto statale contro l’aborto, ma ha permesso agli altri stati di fare la stessa cosa.

Oltre il 64% degli Americani crede che l’aborto debba essere una scelta individuale. Dopo Roe v. Wade, migliaia di persone sono scese in piazza per protestare la storica inversione di rotta. “My body, my choice”, recitano i cartelloni, mentre il paese si trova ancora una volta polarizzato. Gli attivisti continueranno a lavorare affinché l’aborto rimanga accessibile e protetto almeno in alcune aree degli Stati Uniti. Ma in metà del paese, abortire è attualmente illegale.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Center for Reproductive Rights (@reprorights)

2. It’s Corn!

Se hai TikTok, non può esserti sfuggito il trend made in the USA “It’s corn!”. Elogiando il mais , questo motivetto ha permesso agli utenti di condividere cosa amano di più. Tariq si trovava con le sorelle e la nonna in un food festival a Brooklyn quando un giornalista, Mr. Shapiro-Barnum, l’ha approcciato per includerlo nelle sue interviste spontanee ai bambini americani. “Qual’è la tua cosa preferita?”, una semplice domanda che per Tariq aveva una sola ed unica risposta, alquanto ovvia: “It’s corn!”. Una volta editata, l’intervista è andata virale per tutta l’estate, rendendo Tariq il #Cornboy preferito da internet. Almeno fino a Settembre, quando è dovuto tornare tra i banchi di scuola.

3. Le Midterm Elections

Per gli Stati Uniti il 2022 è stato anche un anno di elezioni, come per l’Italia. Dopo le presidenziali del 2020, che hanno visto Joe Biden vincere su Donald Trump diventando   presidente per i seguenti quattro anni, gli americani sono tornati alle urne per le cosiddette Midterm Elections a Novembre.

Queste elezioni a “metà mandato” presidenziale sono altrettanto importanti, perché riassegnano tutti i seggi della Camera dei Rappresentanti e parte del Senato (le due camere che insieme formano il Congresso). Proprio per questo, gli esperti le definiscono una sorta di termometro della situazione politica del paese. Non è insolito che a vincere sia il partito dell’opposizione, mettendo i bastoni tra le ruote del presidente in carica.

Il 2022 non ha fatto eccezione. I Repubblicani hanno vinto, sebbene con un margine molto piccolo e con una performance lontana dalle aspettative del partito. 222 seggi contro 213, la destra americana ha ora il controllo della House, mentre i Democratici mantengono il Senato 51 seggi a 49. Cosa significherà per il paese, lo scopriremo solo nei prossimi mesi, ma possiamo già aspettarci molti scogli legislativi per Biden e Kamala Harris.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Ndifreke Sylvanus Okon (@ndifrekesylvanusokon)

4. Johnny Depp vs Amber Heard

Al confine tra politica e intrattenimento, c’è stato il caso in tribunale tra Johnny Depp e Amber Heard. L’ex coppia alla sbarra ha dato spettacolo come solo due attori avrebbero potuto fare, tanto da rendere impossibile parlare di altro per settimane. Fino all’esito in Aprile, che ha visto la giuria decretare unanimemente in favore di Depp.

Dei 50$ milioni richiesti nell’accusa, Depp ne ha riscossi 15$ per danni. Amber Heard, invece, ne ha ricevuti 2$ dei 100$ che aveva richiesto per diffamazione da parte dell’avvocato del suo ex, Adam Waldman. Tutto è bene quel che finisce bene? Sicuramente si per Johnny, che dopo aver “riavuto indietro” la propria vita, è tornato a lavoro a seguito della pausa forzata per la situazione con Heard. Per quanto riguarda lei, una settimana fa l’attrice ha deciso di comunicare sul suo instagram che non vuole continuare la causa, mettendoci un punto una volta per tutte. Ha poi aggiunto che gli insulti ricevuti online l’hanno fatta sentire nuovamente una vittima.

In ogni caso, questo processo reso pubblico per la natura dei suoi protagonisti e amplificato su ogni social media ha segnato il 2022. Non solo riportando al centro della conversazione i temi della violenza domestica e le controversie del #MeToo, ma anche perché per un attimo ci è sembrato di essere in un episodio speciale di Suits. Merito dell’avvocatessa di Depp, Camille Vasquez, una vera Harvey Specter 2.0.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Amber Heard (@amberheard)

5. La devastazione dell’Hurricane Ian

Dimentichiamo la pausa forzata che la pandemia ha regalato al pianeta Terra, perché il 2022 ha visto l’inquinamento e le emissioni tornare a pieno ritmo. La devastazione dunque continua, e le conseguenze sono sempre più visibili. Tra i maggiori disastri naturali, l’America ha vissuto nell’occhio del ciclone con l’arrivo dell’uragano Ian. 

Oltre 2 milioni di persone sono rimaste senza elettricità con questa tempesta, estesa per oltre 140 miglia di larghezza, che ha causato disastrosi allagamenti al sud della East Coast degli Stati Uniti. Venti oltre i 240km/h e onde di più di 6 metri hanno reso alcune zone abitate un cumulo di macerie, portando le persone a cercare disperatamente i loro cari online e registrandosi in salvo sui propri canali social. “Pregate per le persone”, aveva dichiarato il governatore della Florida Ron DeSantis.

125 sono le vittime registrate, tra cui il sindaco di Fort Myers Beach, la zona più colpita. Ma ad oggi il vero numero resta incerto. Cosi come resta incerto il futuro climatico del pianeta e delle aree più vulnerabili ai disastri naturali degli Stati Uniti.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Hurricane Ian News (@hurricaneian)

6. Kanye West, in caduta libera

Con Kanye West non ci si annoia mai. Ma nel 2022 il rapper, designer ed ormai ex-marito di Kim Kardashian ha davvero dato il meglio (anzi, il peggio) di se. 

In un certo senso, tutto è iniziato dalla gelosia nei confronti della nuova fiamma della sua Kim, Pete Davidson. Il comico di SNL è stato pubblicamente e privatamente insultato da Kanye, pazzo di gelosia. Ma la situazione è degenerata con una serie di interviste e post sui social dove Ye ha condiviso commenti antisemiti, pro-life, cospirazioni e critiche a Black Lives Matter. West si è spinto a dire che vede alcune “cose buone” nelle azioni di Adolf Hitler.

Insomma, commenti davvero al limite tra la libertà di parola e l’illegale elogio al nazismo. Ad ottobre, il rapper ha fatto sfilare la modella Candace Owens nel suo show a Parigi con una maglietta “White Lives Matter”, frase associata al white suprematism di alcuni gruppi neo-nazisti. Da li in poi, i commenti controversi di Kanye non hanno fatto che aumentare, portando Adidas, Gap, Balenciaga e Foot Locker a recidere ogni partnership creativa con lui. Clinicamente bipolare, nel 2022 Kanye West ha scelto di mostrare solo il suo lato peggiore.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Kanye West (@kanyethegoatwest)

7. Taylor Swift, tra Ticketmaster e TikTok

C’è un anno che non è nel segno di Taylor Swift? La cantante americana ha dominato gli anni 2010, ma dopo questo 2022 abbiamo buone ragioni per credere che dominerà anche la decade successiva. 

Taylor e la sua musica governano TikTok, dove il fandom di Swifties rende ogni ritornello o bridge “trend-material”. Che sia perché tutti ci rispecchiamo nelle canzoni un po’ sassy e un po’ strappalacrime di Taylor (si, anche quelli che lo negano), o che sia perché questa giovane donna ha battuto record su record con ogni suo album, il risultato è lo stesso.

Con l’uscita di Midnights, i fan hanno accolto le nuove canzoni e dato il via a nuovi trend, contribuendo ulteriormente alla fama della Swift. “It’s me, hi, I’m the problem it’s me!”, chi non ha sentito questo motivetto del singolo Anti-Hero almeno una volta? Persino l’attore di Gossip Girl e You, Pen Badgley, ha esordito cosi su TikTok. Con un tour negli stadi già sold-out che ha mandato in crash Ticketmaster e ha fatto discutere persino in Congresso il monopolio della vendita dei biglietti, Taylor Swift rimane una personalità di grande rilievo anche nel 2022.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Taylor Swift (@taylorswift)

8. Ucraina

Impossibile parlare di 2022 senza parlare di Ucraina, protagonista della guerra più vicina all’Occidente (geograficamente ma sopratutto idealmente) degli ultimi decenni. L’invasione armata della Russia lo scorso Febbraio ha dato il via a una reazione a catena allarmante che ha coinvolto in prima linea l’Unione Europea e gli Stati Uniti.

Sin da allora, il governo americano non ha cessato di supportare il paese del presidente combattente, Volodymyr Zelensky. Tra aiuti militari e discorsi di condanna a Putin, gli Stati Uniti si sono schierati subito a favore dell’Ucraina, facendo sentire il proprio supporto a distanza di sicurezza.

Proprio pochi giorni fa, Zelensky è arrivato a sorpresa a Washington DC, per fare un discorso di ringraziamento al popolo americano, giurando che vincerà la guerra. “I vostri soldi non sono beneficenza”, ha dichiarato al Congresso poco prima di Natale, sostenendo che invece gli aiuti americani sono “un investimento nella sicurezza globale e nella democrazia”. Alle sue spalle, la vice presidente Kamala Harris e la House Speaker Nancy Pelosi hanno applaudito fortemente.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Володимир Зеленський (@zelenskiy_official)

9. Stranger Things 4

Stati Uniti significa anche intrattenimento. È quasi impossibile scegliere una serie tv o un film che segni un picco di successo nel 2022, perché quasi tutte le produzioni più acclamate sono made in the USA. Tra i successi più recenti, Wednesday di Tim Burton ha segnato un record  come seconda serie più vista in lingua inglese, un successo incredibile rispecchiato su tutte le piattaforme social.

Sul gradino più alto rimane un altro incredibile prodotto del 2022 (e non solo), Stranger Things 4. La nuova stagione della serie-fenomeno che vede protagonista Millie Bobby Brown ha infatti scalato ogni classifica, cosi come la canzone che gli ha fatto da colonna sonora. Running Up That Hill di Kate Bush, sebbene uscita nel 1985, ha sconfitto Vecna e anche ogni altra hit estiva.

Per quanto riguarda i film, Top Gun Maverick ci ha ricordato il fascino intramontabile dell’aviazione americana (e quello di Tom Cruise).

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Stranger Things Netflix (@strangerthingstv)

10. Kim Kardashian e il vestito di Marilyn 

Che la si ami o la si odi, Kim Kardashian è tra le donne più influenti del mondo in fatto di trend. Non è dunque una sorpresa che le sue scelte fashion, sopratutto sui red carpet più importanti, siano scrutate nei minimi dettagli.

Cosi quando è apparsa sui gradini del Met Gala, a New York, con un vestito appartenente ad una delle più amate beniamine americane, c’è chi ha dovuto strizzare gli occhi. Ma l’immagine è rimasta: Kim nei panni di Marilyn Monroe, quando nel 1962 ha cantato all’allora presidente JF Kennedy “Happy Birthday” in un abito color rosa carne rivestito di piccole pietre luminose.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Kim Kardashian (@kimkardashian)

C’è chi si è chiesto come abbia ottenuto il permesso. Chi invece ha domandato quanti kg abbia dovuto perdere per entrare nel vestito. Ma una cosa è certa, per tutta la serata (e oltre), non si è parlato di altro tra gli appassionati di moda.

Images: Luke Michael on Unsplash