×

La lotta è FICA

“Se sei donna e puoi votare, ringrazia una femminista”

By Myra Geraldine Meterangelo

Cheap Festival e la sua evoluzione

Sei donne hanno dato vita ad un festival di Street Art nel 2012, a Bologna. E questa forma, con questa formula, è stata portata avanti per cinque anni.

Nel frattempo le esigenze sono cambiate o, meglio, si sono trasformate e con esse anche il modo di essere ed esprimersi di CHEAP ha subito dei mutamenti.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Silvia Calderoni per La lotta é FICA un progetto femminista di arte pubblica di CHEAP Rappresentare il femminismo intersezionale, antirazzista, body e sex positive: è questo il core di “La lotta è FICA”, il nuovo progetto di public art di CHEAP, composto da 25 poster realizzati da altrettante artiste e installati sulla centralissima Via Indipendenza a Bologna. Nei poster sono rappresentate le lotte femministe che intersecano l'antirazzismo, trova fisicità lo sguardo queer sui generi, entrano i corpi delle donne, corpi trans e corpi eccentrici. Un divertissement femminista su poster per il quale sono state chiamate a raccolta 25 artiste: illustratrici, grafiche, fotografe, perfomer, fumettiste, streetartist – una pluralità di media che corrisponde ad un vasto campionario di biografie e visioni, unite dalle prospettive del transfemminismo. #CHEAPstreetposterart #Bologna #ig_italia #ig_bologna #ig_europe #CHEAPfestival #streetart #urban #igersbologna #MyBologna #instagramers #instagram #insta #instacool #instamood #instadaily #picoftheday #instastreetart #poster #posterart #art #urbanart #urbanstyle #streetphotography #streetarteverywhere #feminism #femminismo #feministart #protestart PH @michele_lapini_photo

Un post condiviso da CHEAP street poster art (@cheapfestival) in data:

La cosa meravigliosa di questo collettivo (o progetto, o forma d’espressione) è la sensibilità con cui porta al centro dell’attenzione le necessità, attraverso forme d’arte e collaborazioni sempre differenti riesce a risvegliare il dibattito pubblico bolognese e non solo.

L’importanza delle loro opere è ben chiara ed ha una durata limitata, quindi devi “stare sul pezzo”!

Ma è abbastanza semplice, soprattutto se vivi a Bologna, perché capita di svoltare l’angolo e trovarsi a tu per tu con questi manifesti (si, la carta. Un mezzo di comunicazione che non perderà mai la sua potenza comunicativa, se utilizzata in maniera pensata).

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Chiaraliki.art per La lotta é FICA un progetto femminista di arte pubblica di CHEAP Rappresentare il femminismo intersezionale, antirazzista, body e sex positive: è questo il core di “La lotta è FICA”, il nuovo progetto di public art di CHEAP, composto da 25 poster realizzati da altrettante artiste e installati sulla centralissima Via Indipendenza a Bologna. Nei poster sono rappresentate le lotte femministe che intersecano l'antirazzismo, trova fisicità lo sguardo queer sui generi, entrano i corpi delle donne, corpi trans e corpi eccentrici. Un divertissement femminista su poster per il quale sono state chiamate a raccolta 25 artiste: illustratrici, grafiche, fotografe, perfomer, fumettiste, streetartist – una pluralità di media che corrisponde ad un vasto campionario di biografie e visioni, unite dalle prospettive del transfemminismo. #CHEAPstreetposterart #Bologna #ig_italia #ig_bologna #ig_europe #CHEAPfestival #streetart #urban #igersbologna #MyBologna #instagramers #instagram #insta #instacool #instamood #instadaily #picoftheday #instastreetart #poster #posterart #art #urbanart #urbanstyle #streetphotography #streetarteverywhere #feminism #femminismo #feministart #protestart PH @michele_lapini_photo

Un post condiviso da CHEAP street poster art (@cheapfestival) in data:

Così CHEAP esorta a fare qualcosa, ad essere parte del cambiamento, con i fatti.

Già nel 2018 MissMe, artful vandal, è stata invitata a realizzare uno street poster art in Viale Masini che diceva: “TACI, ANZI PARLA”.

Mettendo a fuoco un tema molto importante attraverso una profonda riflessione su cosa significhi nascere in un corpo di donna. I claim di MissMe sono intransigenti e chiedono a gran voce di riflettere “I didn’t came from your rib, you came from my VAGINA”.

La scorsa estate poi la collaborazione con la School of Feminism, piattaforma internazionale che promuove il femminismo nella società attraverso l’istruzione e la comunicazione.

Insieme a Cheap è stata realizzata la campagna “RINGRAZIA UNA FEMMINISTA”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Fumettibrutti @fumettibrutti per La lotta é FICA Un progetto femminista di arte pubblica di CHEAP Nei poster di CHEAP e nella narrazione femminista a cui questi rimandano, ci sono naturalmente anche corpi trans realizzati da persone trans, come ad esempio il poster dell'illustratrice e fumettista Josephine Yole Signorelli aka Fumettibrutti, caso editoriale con “P. la mia adolescenza trans” uscito per Feltrinelli Comics: il suo manifesto affronta la feticizzazione di cui sono oggetto i corpi trans. CHEAP, a questo proposito, cita le parole di Antonia Caruso, attivista, scrittrice e editrice trans femminista: “Forse non esiste una rappresentazione perfetta delle persone trans e dei nostri corpi trans. Ma la rappresentazioni sbagliate sono chiare. Sono quelle feticizzanti e pruriginose, concentrate sui genitali in maniera non consensuale, quelle che escludono le soggettività non binarie, quelle binarie, quelle normalizzanti dove siamo impiegat* sorridenti del capitale, quelle metaforiche, quelle dove siamo solo dei corpi da ammirare per il coraggio. Abbiamo dei corpi molto più imperfetti di quanto sembri e questa dissimulazione ci rende tristi e furenti.” #CHEAPstreetposterart #Bologna #ig_italia #ig_bologna #ig_europe #CHEAPfestival #streetart #urban #igersbologna #MyBologna #instagramers #instagram #insta #instacool #instamood #instadaily #picoftheday #instastreetart #poster #posterart #art #urbanart #urbanstyle #streetphotography #streetarteverywhere #feminism #femminismo #feministart #protestart PH @michele_lapini_photo

Un post condiviso da CHEAP street poster art (@cheapfestival) in data:

“Se sei donna e puoi votare, ringrazia una femminista”.

Urgenza e necessità di un femminismo concreto e attuale, ma anche di ricordare come le donne abbiano lavorato per conquistare i diritti delle donne stesse, attraverso anni di lotte politiche, sociale e culturali.

Oggi. La lotta.

Bologna è stata contaminata da nuove affissioni per Via Indipendenza, si tratta di 25 poster sparsi tra mura e portici. Questa volta le autrici sono molte e ognuna ha un ruolo diverso, ci sono fumettiste, streetartist, graphic designer e tante altre. Magari le conoscete già tutte, ma può essere un’occasione per scoprire qualcosa di nuovo.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

@theunapologeticstreetseries per La lotta é FICA un progetto femminista di arte pubblica di CHEAP Rappresentare il femminismo intersezionale, antirazzista, body e sex positive: è questo il core di “La lotta è FICA”, il nuovo progetto di public art di CHEAP, composto da 25 poster realizzati da altrettante artiste e installati sulla centralissima Via Indipendenza a Bologna. Nei poster sono rappresentate le lotte femministe che intersecano l'antirazzismo, trova fisicità lo sguardo queer sui generi, entrano i corpi delle donne, corpi trans e corpi eccentrici. Un divertissement femminista su poster per il quale sono state chiamate a raccolta 25 artiste: illustratrici, grafiche, fotografe, perfomer, fumettiste, streetartist – una pluralità di media che corrisponde ad un vasto campionario di biografie e visioni, unite dalle prospettive del transfemminismo. #CHEAPstreetposterart #Bologna #ig_italia #ig_bologna #ig_europe #CHEAPfestival #streetart #urban #igersbologna #MyBologna #instagramers #instagram #insta #instacool #instamood #instadaily #picoftheday #instastreetart #poster #posterart #art #urbanart #urbanstyle #streetphotography #streetarteverywhere #feminism #femminismo #feministart #protestart PH @michele_lapini_photo

Un post condiviso da CHEAP street poster art (@cheapfestival) in data:

Nuovi stili, varie tematiche, nuovi colori ma il tutto unito da un messaggio comune: la lotta è FICA. Le donne finalmente prendono possesso della loro immagine. Una visione femminile di cosa sia femminile.

Il corpo delle donne come spazio politico? Un atto di buon senso!

In realtà, come nella vita così attraverso questa campagna, si intrecciano temi differenti. Ci si confronta con la body positivity, con la diversità, con il nudo, con la violenza di genere e con l’antirazzismo, perchè la lotta non è unidirezionale, nè tanto meno esclusiva.

I diritti delle donne e i diritti degli uomini possiamo affermarli tutti insieme.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Cristina Portolano per La lotta é FICA un progetto femminista di arte pubblica di CHEAP Rappresentare il femminismo intersezionale, antirazzista, body e sex positive: è questo il core di “La lotta è FICA”, il nuovo progetto di public art di CHEAP, composto da 25 poster realizzati da altrettante artiste e installati sulla centralissima Via Indipendenza a Bologna. Nei poster sono rappresentate le lotte femministe che intersecano l'antirazzismo, trova fisicità lo sguardo queer sui generi, entrano i corpi delle donne, corpi trans e corpi eccentrici. Un divertissement femminista su poster per il quale sono state chiamate a raccolta 25 artiste: illustratrici, grafiche, fotografe, perfomer, fumettiste, streetartist – una pluralità di media che corrisponde ad un vasto campionario di biografie e visioni, unite dalle prospettive del transfemminismo. #CHEAPstreetposterart #Bologna #ig_italia #ig_bologna #ig_europe #CHEAPfestival #streetart #urban #igersbologna #MyBologna #instagramers #instagram #insta #instacool #instamood #instadaily #picoftheday #instastreetart #poster #posterart #art #urbanart #urbanstyle #streetphotography #streetarteverywhere #feminism #femminismo #feministart #protestart PH @michele_lapini_photo

Un post condiviso da CHEAP street poster art (@cheapfestival) in data: