×

L’astrologia è mainstream?

Il mistero del fenomeno di cui pochi possono fare a meno

By Claudia Matrisciano

Per molti non ha significato, altri non escono di casa senza aver raccolto le indicazioni che suggerisce e c’è chi, invece, ci scherza su... No, non stiamo parlando dell’ultima fast news o del meme del giorno, ma di astrologia

L’astrologia ha radici antiche, si basa su studi e ricerche approfondite, ma da qualche tempo, con il violento avvento dei social media, è ormai un trend. Il fenomeno ha visto una crescita esponenziale soprattutto negli ultimi anni, dal momento in cui la generazione dei millennials ha iniziato ad interessarsi ai pianeti, alle stelle e al loro posizionamento, iniziando non solo a leggere pubblicazioni ma anche a scaricare app e a consultare siti ad hoc.

L’astrologia da vecchio stampo diventa “pop astrology”, qualcosa di popolare, di comune, di cool.

Facciamo però un passo indietro.

Come, quando e perché l’astrologia è diventata una moda?

Se prima l’astrologia era relegata a piccole comparsate tv o a trafiletti pubblicati nelle ultime pagine del giornale cittadino, con i social il paradigma è completamente cambiato. Ciò che prima era nascosto, si è lentamente fatto spazio sugli schermi portatili delle persone di quasi tutto il mondo. Quelle poche righe del giornale hanno iniziato ad essere fruite da più soggetti. E così anche il più scettico dotato di uno smartphone ha iniziato a sbirciare le ultime parole di Brezsny o a chiedersi, anche solo per curiosità, se Mercurio fosse retrogrado.

Da lì tutto è stato in discesa. Sono iniziati ad essere presenti sulla scena, non solo gli “astrologi di professione”, ma anche profili di creators, per lo più giovani, che hanno iniziato a trattare l'argomento in modo sempre più frequente, attirando così migliaia e migliaia di seguaci.

I magazine online hanno iniziato a dare sempre più visibilità allo studio dei segni, all'allineamento dei pianeti e a dispensare consigli in base al segno zodiacale.

Una delle testimonianze più significative è stata, ad esempio, la piattaforma di moda The Cut che, dal 2017, anno in cui ha introdotto la sezione oroscopo, ha ottenuto il 150% di visite in più. Di questo 150% una larga fetta, più della metà, è rappresentato dai millennials, la generazione che più di altre ha iniziato ad interessarsi all’astrologia, la generazione che ha vissuto il clou del salto dal cartaceo al digitale.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

2020 has me feeling like this lady all of the time😅 How are you all feeling? . . . . . . #astrologymemes #drunkstrology #ariesmemes #taurusmemes #geminimemes #cancermemes #equations

Un post condiviso da drunkstrology (@drunkstrology) in data:

Ogni contenuto sembra essere creato per loro, dai meme più ironici, alle magliette dedicate al segno zodiacale. Tutto sembra parlare il loro linguaggio. I contenuti vincenti sono molti e presenti in molti profili, non per forza mainstream.

In Italia ci sono realtà come @concettamagazine, che si diverte ad abbinare i volti famosi della moda ai segni zodiacali; oppure profili come la più “famosa astrologa e leader carismatico” @lumpa23, che parla dei segni zodiacali al limite tra l’ironia e la dura verità (mie care sorelle e fratelli dello Scorpione I feel you, siamo sempre bistrattati).

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Sagittari é la vostra stagione♐️ ricordatevi che per vedere la puntata intera dovete andare sulla igtv. Per il resto grazie @viceitaly @antonella_biase_di @lara1green @alicehumrah

Un post condiviso da lumpa23 (@lumpa23) in data:

Ci sono poi gli astrologi più “classici” che però hanno cercato di rinnovarsi, come Antonio Capitani, i cui oroscopi sono un mix di serietà e ironia riguardo la nostra condizione perlopiù “suina”. E poi, tra le tecnologie più innovative, e ora più in voga del momento, oserei dire quasi La Bibbia dell’astrologia, c’è l’app Co-Star, social dedicato interamente ai segni zodiacali e alle specifiche che li riguardano. Dalle posizioni del sole e della luna, fino alle descrizioni delle peculiarità di ogni segno e ascendente, passando per il tema natale.

Il tema dell’astrologia lascia, però anche grandi dubbi per molti, riguardo proprio a questo grande successo tra i millennials.

Si è molto discusso e anche studiato, del perché ci sia questa frenesia e questo interesse.

Molti imputano questo attaccamento alle vicissitudini del proprio segno zodiacale, ad una mancanza di certezze da parte dei giovani, della generazione paranoia, che sentirebbero il bisogno di avere una conferma da qualcuno o qualcosa d’altro, che tutto andrà bene e che se qualcosa accadrà, accadrà per qualche disegno già scritto.

Il vero problema sta proprio qui. Se leggo l’oroscopo per sentirmi più sicuro, dov’è l’inghippo? In quel che faccio o nel fatto che vivo in una società che mi porta a cercare qualcosa al di fuori per potermi rincuorare?

Beh, a voi l’onere di rispondere e analizzare questo dilemma psico-antropologico.

Noi possiamo solo dire che c’è chi crede negli oroscopi e nell’astrologia in generale e chi, almeno un pochino, mente.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

(2/2) the signs as mean girls characters 💄💋

Un post condiviso da astrology memes ✨ (@thezodiacstea) in data: