×

Intervista a Marianna Miola: l'imprenditrice della bellezza

Da appassionata di beauty a giovane imprenditrice

By acrimonia

Abbiamo fatto quattro chiacchiere con la giovane imprenditrice veneta Marianna Miola. Ci ha raccontato di quanto il mondo del beauty sia importante e significativo per lei, e di come a soli 26 anni, si possa fare della propria passione un lavoro a tempo pieno!
 
Ecco cosa ci ha raccontato:
 
Da dove è nata la tua passione per il beauty e tutto l’universo ad esso collegato? 
La mia passione è nata da ragazzina, anche se ho potuto dedicarmi seriamente a questa professione solo dopo il liceo. Ho sempre avuto un’attrazione particolare ed istintiva per tutto ciò che era il mondo della bellezza e, in particolare, mi ha sempre affascinato la potenza comunicativa ed estetica dello sguardo, al quale nessuno può sottrarsi. 

 
Quale è stato uno dei momenti più interessanti della tua carriera da visagista, make up artist e imprenditrice? 
Il momento più difficile è stata sicuramente la mia gavetta a Londra e il progressivo e impegnativo passaggio di grado e responsabilità fino a diventare, nonostante la mia giovane età, manager di un importante centro. In Italia è stato il diploma dell’Accademia del Cinema (sezione trucco) che mi ha fatto conoscere docenti eccezionali e vivere esperienze importanti anche a New York.

Nonostante le esperienze all’estero, sei molto legata a Padova, la tua città, dove hai deciso di aprire il tuo ultimissimo salone. Che cosa ti affascina di più della tua città? Oltre al tuo centro, ci daresti un paio di indirizzi da insider della città universitaria e piena d’arte veneta? 
Padova è la mia città, la mia storia, la mia identità della quale sono molto fiera e orgogliosa. Per questo ho voluto tornare! Volevo dimostrare che il mio futuro può essere anche a casa mia e non solo all’estero! Padova è una città dalle radici antiche, ma anche sede dell'Università, di ricerca e innovazione con almeno 60.000 studenti che convivono tranquillamente con i suoi residenti. È capace di bellezza, convivenza e rispetto.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un piccolo dietro le quinte dell’evento di sabato. Un grazie speciale alla nostra super @gloriafregonese 🔥💞 @wearebusypr @merimiola Video&Ph @careracarola

Un post condiviso da Marianna Miola (@meryon_) in data:

 
Quando ti approcci a un viso da truccare, oltre alla parte più tecnica, da che cosa ti lasci ispirare? 
Mi faccio sicuramente guidare dall’espressione del volto e dalla personalità della cliente. Il mio sguardo, tuttavia, è subito catturato dagli occhi che sono davvero lo “specchio dell’anima” e che non mentono mai... quello diventa il Focus attorno il quale cerco l’ispirazione.

Come mai secondo te il beauty ed in particolare la skincare, sono diventati un argomento di interesse di massa? Pensi ci sia abbastanza informazione? 
Credo ci sia molto fai da te, molte donne e uomini si affidano a ricerche sommarie su internet dando per buone notizie superficiali se non addirittura false. La cura del proprio corpo e, in particolare del proprio volto, deve essere affidata a professionisti che sanno scegliere prodotti e possono insegnare corrette procedure da seguire anche a casa, per migliorare sempre di più la propria skincare.
 
 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Marianna e il suo segreto ✨ AEROGRAFO Ph: @elenapescarolo_photo • • • • • • • #makeup #makeupartist #makeupideas #saturday #mariannamiola #mariannamiolamua

Un post condiviso da Marianna Miola (@meryon_) in data:


Dopo questa brillante inaugurazione pensi già ad altri progetti?
Certo, sono un vulcano! I miei genitori sono sbalorditi... ma stanno constatando che se un giovane può seguire la propria passione con energia ed entusiasmo, supera tutte le fatiche e le difficoltà! Ho diversi progetti in cantiere come aprire tanti piccoli corner nei quali le mie clienti possono essere più comode. Uno dei miei obbiettivi principali è inoltre la felicità delle donne che si sottopongono alla mia consulenza. Sono stata ospite nel reparto di oncologia pediatrica all’Ospedale di Padova, esattamente nel ‘teen zone’, e ho truccato delle adolescenti. Vederle ridere e guardarsi soddisfatte allo specchio mi ha profondamente commossa. Lì, ho capito che il make è anche cura e rispetto per la vita, in un momento particolarmente doloroso.